L’opportunità di un Servizio Civile Universale

La situazione creatasi con la pandemia ha fatto emergere, tra gli altri aspetti, la necessità di una presenza stabile per intervenire in situazioni di bisogno.

Può essere un’occasione per tornare a investire nel Servizio Civile Universale (SCU), nella prospettiva già avviata della riforma del 2016. Un modo per dedicarsi alle fasce più deboli della popolazione, affiancando alle strutture istituzionali e alle forme organizzate come la Protezione Civile, una realtà giovanile. Una simile realtà avrebbe il merito di offrire un’utile opportunità formativa al senso civico e nell’ottica costituzionale della “difesa della Patria” (declinata anche in chiave europea), un modo per mobilitare risorse rivolte alle persone, finendo per promuovere una cittadinanza attiva e responsabile ponendo la massima cura nella qualità della proposta, della formazione, in modo che non si riduca ad una perdita di tempo.

Vale la pena pertanto sollecitare l’opinione pubblica - come va facendo Avvenire - e attuare una pressione efficace sulla compagine governativa perché si compia un effettivo passo avanti. Dando un segnale.

Rinviando le scelte ottimali ad un futuro si spera non tanto lontano, si potrebbe intanto, con poche centinaia di milioni di Euro coinvolgere tutte quelle migliaia di giovani che, pur avendo generosamente fatto domanda, non hanno avuto tutti la possibilità di entrare nell’ultimo bando per il Servizio Civile volontario. Sarebbe un primo passo, giustificato anche dalla gravità della situazione. I 20milioni in più previsti nel D.L. “Rilancio” sono un primo segnale significativo in questa direzione, ma ancora – a detta degli enti e dei volontari soprattutto, che hanno lanciato anche un appello in questo senso – insufficiente a coprire le richieste dei giovani.

Proviamo ad evidenziare tre proposte “minime” e praticabili a breve: 

- la richiesta di un finanziamento adeguato per il SCU, così da permettere l'avvio di almeno 50mila giovani all'anno (le risorse attuali ne permetteranno il prossimo anno, secondo i calcoli più ottimistici, poco più di 30mila). Tradotto in termini economici significano circa 300 milioni all'anno, da garantire anche negli anni successivi.

- un riconoscimento del ruolo del SCU che può essere strategico nei prossimi mesi su due livelli: da un lato di prossimità al territorio, in rete tra soggetti pubblici e del terzo settore, garantendo anche attività di welfare leggero, dall'altro coinvolgendo una fascia di giovani dai 18 ai 29 anni che potrebbero essere tra i più svantaggiati dalla crisi in corso.

- un ruolo del SCU in rete con altre Amministrazioni pubbliche (es: Ministero della Famiglia, Ministero dell'Ambiente, ecc...) con l'avvio in sinergia di specifiche progettualità nella gestione dell'emergenza in corso.

Per il futuro si dovrà andare nella direzione di un Servizio Civile Universale “obbligatorio”, proprio per rendere consapevoli le nuove generazioni di ciò che comporta la partecipazione alla cittadinanza, per esercitare, anche se per pochi mesi, in maniera intensa, il proprio sentirsi parte di una collettività, facendo pratica di diritti e doveri.

Allo stesso tempo occorrerà farsi carico delle difficoltà vissute dai giovani al momento di entrare nel mondo del lavoro, situazione che li vede svantaggiati rispetto i coetanei europei; una preoccupazione che potrebbe essere risolta, collegando maggiormente l’eventuale Servizio Civile obbligatorio al periodo scolastico, magari rivisitando alcuni aspetti di quella che è stata l’alternanza scuola-lavoro, o con un effettivo riconoscimento della sua valenza in ambito di concorsi pubblici.

Sul discusso tema della obbligatorietà, a fronte di pur innegabili problemi tecnici da risolvere (pensiamo ad esempio a come garantire la qualità di un’esperienza su una platea potenziale di oltre 400mila giovani all’anno), occorre prendere atto che sono molti gli argomenti che consigliano di andare in questa direzione. Le tante necessità sociali, le nuove povertà, ma la fatica stessa di vivere in un contesto che integri le differenze (pensiamo a quelle di genere ad esempio: già oggi circa 2/3 di chi fa servizio civile è donna), la crisi inevitabile del welfare, talvolta non ripensato e spesso in scarsità di fondi, la stessa ridefinizione del lavoro e del fattore tempo nella vita delle persone, e infine vorrei dire la crisi della democrazia e del senso condiviso di una comune appartenenza secondo la stessa visione costituzionale di solidarietà che non può che comportare una visione di sussidiarietà rispetto la dimensione pubblica (vi è poi tutto il tema legato alla Legge 328/2000 riferita alle politiche sociali e la riforma del Terzo Settore).

di Ernesto Preziosi

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.