CHI SIAMO

ARGOMENTI2000: ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA POLITICA

Per Aderire

Promossa da...
L'Associazione nasce dall'iniziativa di alcune persone che scelgono di operare nell'attuale transizione italiana al servizio di una nuova stagione politica. L'Associazione collega persone provenienti da diversi percorsi di impegno sociale, ecclesiale, culturale, e politico accomunate dall'esigenza di mettere insieme le proprie esperienze e le proprie energie al fine di contribuire all'evoluzione della cultura politica e democratica e alla diffusione delle buone prassi amministrative a partire dall'ambito territoriale.

Perché un'associazione di amicizia politica?

  • Per scegliere l'amicizia come fondamento delle "relazioni politiche" in alternativa ad una prassi di individualismo e competitività esasperati;
  • per promuovere e moltiplicare reti e collegamenti; per contrastare isolamento, impotenza, distanza, resa;
  • per favorire – dentro una transizione democratico-istituzionale di cui non si individua né la fine né gli esiti – consapevolezza e coinvolgimento;
  • per generare un "processo virtuoso" di elaborazione/appropriazione di tematiche cruciali, che riattivi una partecipazione diffusa;
  • per valorizzare l'impatto e l'effetto formativo di un dialogo aperto tra le generazioni;
  • per mettere in circolo competenze ed esperienze e sostenere il formarsi e l'emergere di risorse qualificate;
  • per accompagnare chi è impegnato nel governo della cosa pubblica, soprattutto a livello locale.

A chi ci rivolgiamo...

  • a persone "comuni" che avvertono l'esigenza di uno scambio di esperienze, in vista di un collegamento e di un arricchimento, così come di un sostegno per il proprio operare;
  • alle tante persone incontrate in tutto il Paese, in contesti diversi, che operano sul territorio (giovani amministratori, operatori culturali, economisti, giuristi) o che hanno un forte interesse alla formazione e all'impegno socio-politico;
  • a coloro che, portatori di varie competenze – spesso disperse o sommerse – possono, in rete, contribuire allo sviluppo di percorsi e progetti innovativi;
  • ai tanti diversi soggetti – singoli o gruppi – con sensibilità sociale, culturale, e politica "potenzialmente" in sintonia con la proposta dell'Associazione.

... con una proposta di amicizia politica

  • L'amicizia politica è un modo particolare di vivere la politica che presuppone il mettere in primo piano le relazioni tra le persone, tessendo una rete amicale capace di offrire sostegno a chi si impegna in prima persona, come pure il non trattenere egoisticamente le proprie competenze, mettendole in circolo e condividendole fraternamente con uno stile alternativo a tutto ciò che in politica suona come competizione, individualismo, arrivismo.
  • L'amicizia politica è un valore comune, vivibile da tutti, eppure capace di per sé di ostacolare le dinamiche di potere "gretto", cioè di quella dimensione che, nella politica come in ogni altra realtà aggregata, demotiva la partecipazione e il coinvolgimento spostando l'accento dalla logica del servizio al bene comune a quella del tornaconto e dell'interesse individuale.
  • L'amicizia è un sentire antico e ogni volta rinnovato, uno stile che dovrebbe caratterizzare, al di là dei temi di volta in volta affrontati, i momenti d'incontro e il lavoro dell'Associazione perché si trasformi in un luogo aperto e funzionale al protagonismo dei singoli e, quindi, coinvolgente e responsabilizzante verso gli obiettivi comuni.

Nella transizione democratico-istituzionale...

Il comune spaesamento davanti ai cambiamenti in atto, così come un tessuto sociale caratterizzato talvolta da una eccessiva frammentazione delle identità, o da un accentuarsi dei fondamentalismi, la complessità dei sistemi politici e di governo, mettono a rischio il ruolo e la rilevanza di una società civile matura e consapevole che cresce e sa esprimersi dentro gli ambienti di vita e di lavoro. Nel protrarsi della fase di transizione che caratterizza l'attuale assetto politico-istituzionale del nostro Paese, l'esigenza di uscire dallo stordimento dei dibattiti inconcludenti e di riavvicinare le persone ai temi della politica "alta", ci suggerisce di lavorare secondo alcune modalità:

  • proporci come luogo di incontro/confronto per mettere a tema questioni decisive per il ridisegnarsi delle società e l'evolversi delle democrazie, da affrontare sia in chiave locale/nazionale che internazionale/globale;
  • elaborare e proporre idee, interpretazioni, ipotesi su temi resi cruciali dalla transizione per rispondere alla concretezza dei problemi con un'autentica ricerca di sintesi progettuali in un contesto di cultura politica "plurale"; sintesi progettuali caratterizzate da una prospettiva ampia e non appiattita sull'immediato contingente;
  •  coniugare la serietà degli approfondimenti con la popolarità; la riflessione con la capacità di interagire con la realtà orientando i comportamenti; la fedeltà a un patrimonio ideale ed etico con il realismo della politica.
  • dare spazio e voce al territorio, valorizzando le realtà locali. La presenza di buone prassi amministrative consente, difatti, a queste ultime di presentarsi come luoghi ideali per la ricostruzione delle identità e la "sperimentazione" di nuove sintesi socio-politiche e culturali, capaci di incidere nella dimensione nazionale e internazionale. In tal senso, il tema della città, inteso come luogo di crescita e sviluppo della persona, rappresenta la nostra chiave di lettura privilegiata nell'approfondimento e nell'elaborazione di proposte.

...per riflettere, elaborare, confrontarsi su...

questioni, eventi e prospettive della vita politica e sociale nazionale e internazionale con particolare attenzione alle istituzioni e all'evolversi dei sistemi democratici, alle realtà urbane e alla promozione dei diritti, della giustizia distributiva e dello sviluppo sostenibile.

...con strumenti leggeri...

LA RETE
L'associazione si propone di attivare tra le persone e i diversi soggetti una "rete" amicale dinamica, paritaria, aperta, non strutturata, capace di avvalersi delle opportunità offerte dai nuovi media e finalizzata, tra l'altro, a:

  • coinvolgere alcuni giovani ricercatori/docenti universitari mettendoli in contatto con chi vive esperienze di impegno concreto per avviare laboratori di quella mediazione culturale da più parti evocata, ma che difetta di luoghi di discernimento e di progettualità
  • avviare collaborazioni con realtà di studio e di ricerca come le università e i centri di ricerca sociale.
  • collaborare con quanti sono impegnati sullo steso fronte e, in particolare, con quei centri culturali e quelle riviste di "area" che, in questi anni, si sono cimentate nel divulgare i temi della cittadinanza, della partecipazione e della responsabilità sociale.

GLI INCONTRI
Promossi dall'Associazione e distribuiti durante l'anno, gli incontri sono finalizzati al più ampio confronto tra persone, soggetti, esperienze, come pure al consolidamento di indirizzi e progetti.

...col sostegno di un Centro studi

Il CERSES
Accanto all’Associazione opera il CERSES (Centro di Ricerca e Studi Storici e Sociali), con la finalità di offrire sostegno e continuità all’azione della rete di Argomenti2000.
Il Centro, costituito formalmente, è dotato di propri organi e promuove iniziative di studio e di ricerca, di documentazione, attività editoriali anche in collaborazione con editrici, e di animazione culturale.

Attività: le tappe percorse dal 2005 al 2015

Attività promosse o a cui si è aderito alla Camera dei Deputati dal 2013 al 2015