Salvini e il rispetto della legge

Parliamoci chiaro, caro ministro Salvini.
Lei sa che le leggi devono essere applicate e spetta ad ognuno di rispettarle e di farle rispettare. Bene.
Se uno le viola, viene denunciato all'autorità giudiziaria. Bene.
A decidere sarà la Magistratura, che lei ha dimostrato di non rispettare cestinando davanti alle telecamere l'avviso di garanzia inviatole da un procuratore della Repubblica. Mi segue?
Anche i sindaci che hanno deciso di sospendere nel loro Comune il decreto "sicurezza" hanno infranto la legge. Bene.
Li denunci alla magistratura!
Probabilmente a decidere sul contenzioso sarà la Corte Costituzionale, la quale dimostrerà che ci sono dubbi di incostituzionalità, gli stessi dubbi espressi da alcuni suoi consiglieri il cui parere lei non ha voluto ascoltare e che hanno preferito ritornare nei ruoli da cui provenivano. Lei li ha sostituiti con dei "sì, signor ministro"!
Le ricordo però che anche lei infranse la legge quando invitò i sindaci della Lega a non trascrivere all'anagrafe comunale il matrimonio contratto tra persone delle stesso sesso. Non le sembra di essere incoerente o, per lo meno, schizofrenico, cioè di avere una doppia etica?

di Edoardo Zini

Commenti

Inviato da Franca Fiacco il

Caro Edoardo il fatto è che il ministro non conosce quelle che sono le sue prerogative che implicano diritti e doveri. Egli ha anche dimostrato di non conoscere il nostro ordinamento giuridico e sfrutta in modo strumentale la sua ignoranza facendosene vanto. Spero che la Corte Costituzionale possa porre rimedio all'ingiustizia che questo decreto perpetra.

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.