Le idee poco chiare sui diritti e la fragilità politica

La calendarizzazione del disegno di legge sull’omofobia ha riacceso, in una parte dell’opinione pubblica, un confronto da “guerra di religione”. Da una parte vi sono i sostenitori di una necessità di circoscrivere l’omofobia come reato a sé stante, che rivela anche la volontà di marcare per via legislativa una specifica identità di gruppo; dall’altra parte vi sono quanti rivendicano il primato della “famiglia naturale” e paventano una deriva anticristiana e relativista che metterebbe in discussione la tenuta del vivere sociale. Uno scontro, questo, che non ha risparmiato la stampa, anche quella cattolica, che ha cercato di interrogarsi e dar voce alle diverse sensibilità di un paese che forse, nella sua larga maggioranza, segue con distacco l’oggetto della discussione. Eppure, la questione è centrale, soprattutto all’interno di una società democratica, perché al di sotto delle polemiche il tema attorno a cui ruota la vicenda investe il terreno dei diritti e doveri che la Costituzione pone a fondamento della Repubblica.

Di fronte alla questione delicatissima e cruciale delle discriminazioni, di ogni discriminazione, questo orizzonte impone uno sforzo di carattere sociale e culturale da parte non solo delle istituzioni ma di tutto il tessuto civile. Perché è in questa dimensione soltanto che può maturare quella coscienza morale imperniata sul sistema dei diritti e dei doveri la quale guarda agli strumenti della politica per creare condizioni di libertà compiuta.

Entrando più nel dettaglio del provvedimento in discussione, occorre dire che l’esigenza di una legge che tuteli contro inaccettabili tendenze omofobe va ricollocata dentro il quadro dei provvedimenti che sanzionano gli atti lesivi della persona, in modo da produrre un rafforzamento del dispositivo legislativo su tutto il ventaglio di reati che riguardano questo ambito. Intervenendo sull’articolo 61 del codice penale, infatti, si potrebbe cogliere l’occasione di una discussione così importante per accrescere la tutela dei diritti di tutti i soggetti che sono oggetto di discriminazioni che violano il fondamento personalista della nostra vita sociale e politica. Da questo punto di vista, l’urgenza di tutelare la persona da discriminazioni o offese motivate in ragione dell’orientamento sessuale, verrebbe tutelata in ragione della unitarietà di un principio, quello della dignità della persona, che ha invece una tensione universale e che è il criterio che fonda la democrazia repubblicana come democrazia dei diritti e dei doveri. Questo eviterebbe inoltre il rischio di alcuni pericolosi “conflitti fra diritti”: ad esempio, il testo da cui si è partiti sembra non distinguere con chiarezza fra chi propaganda idee, esercitando un diritto insopprimibile di libertà di espressione o di professione di credo religioso, e chi istiga a commettere atti di violenza o di discriminazione.

Queste considerazioni suggeriscono che la vicenda del disegno di legge sull’omofobia, prima ancora che ridursi ad un muro contro muro di opposte ideologie, sia rivelatrice della fragilità di una classe dirigente che sembra aver perso la coscienza dei limiti della politica stessa, che si misurano proprio sul terreno dei diritti e dei doveri. Rispetto a questi ultimi ad un approccio democratico viene chiesto un esercizio di prudenza che non va mai confuso con il timore o la circospezione, ma che è autentica sapienza perché è intelligenza politica delle cose che sa come occorra sempre guardarsi da ogni tentazione di sovrapposizione fra etica e politica. Un rischio che si corre nel voler fare dei diritti individuali un paradigma assolutizzato, disincarnato da un quadro storico e culturale di cui invece è lievito e con il quale deve crescere. Un rischio che si corre anche nel voler affermare schemi, strutture o modelli sociali e antropologici, senza capire che essi sono autentici quando esprimono una fedeltà ai diritti e ai doveri.

di Argomenti2000

 

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.